Internazionali BNL d'italia
Istituto Superiore di Formazione “Roberto Lombardi”
Centri Federali Tennis
FIT Ranking Program
Beach Tennis
Paddle
Tennis in Carrozzina
Lab 3.11
Comitato Italiano Paralimpico
SeniorTennis
www.superabile.it
LOGIN
HAI DIMENTICATO LA PASSWORD?

NEWS

INDIETRO

23

mar 17
NUOVE CLASSIFICHE FIT
Chiariamo tutti i dubbi
Tennis sui campi del Foro Italico
Come è noto, a partire dallo scorso novembre la Fit ha modificato in maniera sostanziale il metodo con il quale vengono stilate le classifiche federali. La novità è stata fonte di qualche incomprensione e persino di malintesi, soprattutto a causa di una tabella errata apparsa sul sito www.federtennis.it.

È perciò opportuno fare chiarezza, in modo da consentire a tutti non solo di comprendere come stanno veramente le cose, ma anche di apprezzare i vantaggi del nuovo sistema, il cui obiettivo di fondo è quello di garantire una maggior equità nel valutare i risultati “recenti” di ogni giocatore, limitando il peso dei risultati più “vecchi”.

Le novità sostanziali sono due: l'abolizione del capitale di partenza (ovvero il punteggio-base che ciascun giocatore si portava dietro nella classifica di appartenenza) e l'aumento del numero degli incontri validi ai fini del calcolo della propria classifica. Purtroppo, come dicevamo, sul sito della FIT è stata pubblicata una tabella errata che ha contribuito a creare confusione. Tabella che è stata corretta e che troverete in coda a questo articolo.

Chiediamo scusa ai tesserati per l'errore e per gli eventuali disagi che può aver loro causato. Ma cogliamo l'occasione per sottolineare che per introdurre tali variazioni la FIT si è confrontata con la Federazione francese di tennis, organismo all'avanguardia nelle gestione del nostro sport e che ci ha ispirato fin dai primi anni 2000 nel ridefinire il sistema delle classifiche italiane. E la FFT il cosiddetto “capitale di partenza” lo ha abolito già da tempo. L'intento della FIT non è certo stato quello di penalizzare i giocatori più esperti e più vincenti nelle precedenti stagioni: la cancellazione del “tesoretto” è stata decisa con l'unico scopo di evitare una eccessiva cristallizzazione delle classifiche. Con il regolamento precedente un giocatore classificato, ad esempio, 2.6 otteneva il 50% dei propri punti non con i risultati ottenuti sul campo bensì grazie al capitale di partenza. A differenza di un giocatore di quarto, quinto o sesto gruppo della quarta categoria, che invece disponeva soltanto del 10% dei suoi punti grazie al capitale di partenza.
E' evidente che, con questo diverso “peso” di partenza, in passato era complicato per un giocatore di quarta categoria ascendere ad un livello superiore mentre con il nuovo regolamento si favorisce una maggior fluidità delle classifiche stesse.

Peraltro, a fronte dell'abolizione del capitale di partenza i giocatori possono contare su un aumento dei risultati da considerare ai fini del calcolo. Certamente più si sale di classifica e più è oggi difficile compensare il punteggio mancante del capitale di partenza con quello derivante dalle vittorie ottenute sul campo. Ma la FIT ritiene sia importante che lo stimolo a migliorarsi ogni giorno anziché vivere “di rendita”, fondamentale per i giocatori professionisti, debba essere sempre presente e vivo a tutti i livelli.

METODO PER LA DEFINIZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2018

TABELLA PROMOZIONI E RETROCESSIONI

Commenti

di' la tua, scrivi un commento a questo articolo
COMMENTA QUESTO ARTICOLO

2

Ciao a tutti,
sicuramente apprezzabile la scelta della FIT, sul modello francese, di modificare qualcosa nel metodo per le classifiche. Ma, se l’obiettivo FIT col nuovo sistema è ottenere una maggiore equità attraverso la valutazione dei risultati più recenti…beh, c’è ancora qualcosa da rivedere. Ecco un esempio: un mio compagno di circolo a gennaio 2017 è passato da 4/1 a 3/5. Nel mese di novembre 2016 ha giocato da 4/1 tre tornei di 4° categoria, vincendone uno. Ha giocato 8 match in tutto e tutti con avversari di 4° categoria, ottenendo un totale di 240 punti (bonus torneo incluso).
A dicembre è poi andato all’estero per lavoro e tornerà dopo circa 1 anno. Nel 2017 quindi non giocherà nessun torneo né di 3° categoria né open. Nonostante ciò, pur non giocando MAI nel 2017 contro un solo avversario di 3° categoria, nel 2018 avrà confermata una classifica di 3° categoria visto che il minimo per salvarsi da 3/5 è 210 punti! In pratica “vivrà di rendita” per un anno intero, rimanendo 3/5 grazie ad 8 risultati ottenuti a novembre 2016 contro avversari di 4° categoria.
Ecco cosa c’è che non va: se si vuole alzare il livello, incentivando i tesserati a partecipare ai tornei e valutando i risultati più recenti, si dovrebbe quanto meno alzare la quota-salvezza in tutte le categorie.
Lascio agli esperti FIT e a tutti gli appassionati una valutazione sulla mia constatazione. Grazie!

di jt (Giovedì, 30 Marzo 2017 11:16)

1

Ottima la correzione apportata; adesso le promozioni sono più semplici grazie al numero di vittorie da considerare aumentato. Non dimentichiamo che un passo ulteriore è stato fatto con l'introduzione di due variazioni classifiche nel corso dell'anno, e la seconda viene differita all'inizio luglio: in questo modo sarà sempre più raro incontrare un giocatore con una classifica di molto differente dal suo reale valore, a meno che non si tratti di un giocatore che riprenda l'attività solo dopo il 2 luglio. Auspico una ulteriore variazione anche a fine agosto in modo da limitare il rischio di cui sopra solo agli ultimi tornei di settembre ed ottobre.

di EIF98 (Lunedì, 27 Marzo 2017 17:07)

di' la tua, scrivi un commento a questo articolo
Ticket office internazionali bln d'italia 2017
ITF Pro Circuit

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali è simbolo di eccellenza e made in Italy nella moda maschile. Scopri i nuovi abiti sartoriali da uomo.

www.lexicon.it

Federazione Italiana Tennis - P. IVA 01379601006       Cookie Policy