Internazionali BNL d'italia
Istituto Superiore di Formazione “Roberto Lombardi”
Centri Federali Tennis
FIT Ranking Program
Beach Tennis
Paddle
Tennis in Carrozzina
Lab 3.11
Comitato Italiano Paralimpico
SeniorTennis
www.superabile.it
LOGIN
HAI DIMENTICATO LA PASSWORD?

NEWS

INDIETRO

23

mag 18
ON LINE LA RIVISTA SETTIMANALE
Nadal suona l'ottava, Svitolina concede il bis
copertina SuperTennis del 23 maggio 2018
Altro che scambi lunghi:
Nadal vince pim-pum-pam


di Enzo Anderloni

L’ennesima impresa di Rafael Nadal, nella finale della 75esima edizione degli Internazionali BNL d’Italia, rimarrà impressa nella memoria di tutti per la grande battaglia da fondocampo con Alexander Zverev, scambi di bordate potentissime tra due giganti del tennis.
Probabilmente quindi lascerà molti di stucco il fatto che Rafa si sia imposto per l’ottava volta a Roma soprattutto grazie a un predominio costruito sugli scambi brevi o brevissimi. E non su quelli combattutissimi e interminabili.
A svelarlo è il ‘data analyst’ dell’Atp Craig O’Shannessy che ha rilevato come Nadal abbia avuto una prevalenza molto netta negli scambi la cui durata era compresa tra 0 e 9 colpi (quando i giocatori toccano la palla meno di 5 volte ciascuno). Questi sono stati 113 in tutto e lo spagnolo, vincitore di 16 Slam, se ne è aggiudicati 62 contro i 51 di Zverev (+11 il suo margine di punti in più).
Diversamente, negli scambi da 10 colpi in su (il più lungo del match è stato di addirittura 20 colpi), che sono stati solo 24, Rafa è in vantaggio solo di due punti 13 a 11. Dunque lo spagnolo ha costruito il suo successo sulla breve distanza.
Probabilmente nessuno degli oltre 10.000 spettatori della tiratissima finale è tornato a casa con la percezione che il match era stato deciso e condizionato soprattutto da scambi brevi. E che addirittura erano stati di più i punti decisi da un colpo solo (un ace, un doppio fallo, un servizio vincente o una risposta sbagliata), 25 nel corso dell’incontro, che quelli derivanti da scambi oltre i 10 colpi, solo 24.
E il fatto che un campione come Nadal, cui tutti riconosciamo straordinarie doti difensive e la capacità di far sempre giocare un colpo in più all’avversario, prevalga su un bombardiere come Zverev proprio sugli scambi “pim-pum-pam” la dice tutta sulla sua capacità di migliorare sempre e di essere, a 31 anni, un giocatore modernissimo, un passo avanti alla ‘meglio gioventù’.

Articolo tratto da SuperTennis Magazine n. 20 - 2018

RIVISTA SUPERTENNIS

Registrandovi al servizio My Fit Score potrete riceverla automaticamente ogni mercoledì via newsletter. La rivista è scaricabile (e stampabile) in formato pdf.

SuperTennis Magazine – Anno XIV - n.20 - 23 maggio 2018

In questo numero:
Prima pagina –SuperTennis, idea super Pag.3
Speciale ibi18, il torneo maschile: Rafa VIII, l’imperatore Pag.6
Speciale ibi18, il torneo femminile: Graaazie, Roma! Pag.14
Speciale ibi18, il torneo femminile: la Giorgi si confessa: “Mi mancava l’azzurro” Pag.18
Speciale ibi18, sito e canali social: il nostro digital? Adesso è… da Oscar Pag.20
Speciale ibi18, bilancio e prospettive: Un torneo perfetto ma non ci fermiamo” Pag.22
Speciale ibi18, il caso: Bjorn Borg, Panatta e le face news Pag.24
Speciale ibi18, focus Next Gen: da Roma a Milano Pag.26
Speciale ibi18, i numeri: 5 volte la stessa finale Pag.28
Speciale ibi18, altre racchette: il padel, uno show da big Pag.29
Speciale ibi18, master BNL 4° categoria : il paradiso dei Quarta Pag.30
Speciale ibi18, campionato amatori: la terra promessa Pag.34
Speciale ibi18, tennis in tv: L’ora Slam: bonjour Paris Pag.36
Speciale ibi18, racchette e dintorni: Corde e tensioni: che tempo fa? Pag.37

Commenti

di' la tua, scrivi un commento a questo articolo
COMMENTA QUESTO ARTICOLO
ITF Pro Circuit
www.lexicon.it

Federazione Italiana Tennis - P. IVA 01379601006       Cookie Policy