<![CDATA[ News della Federazione Italiana Tennis ]]> Sun, 28 May 2017 08:49:58 UTC <![CDATA[ VINCI E GIORGI SUBITO IN CAMPO - In tabellone anche Schiiavone ed Errani ]]> La 34enne tarantina, numero 33 Wta e 31esima testa di serie - mai oltre gli ottavi (2013) sulla terra parigina dove negli ultimi tre anni è uscita sempre al primo turno -, deve vedersela con la portoricana Monica Puig, numero 41 del ranking mondiale, oro olimpico ai Giochi di Rio 2016 e due volte al terzo turno al Roland Garros (2013 e 2016). La Vinci si è aggiudicata entrambe le sfide precedenti: nel primo turno di Madrid nel 2015 (terra) e nel primo turno di Wuhan nel 2016 (cemento).

Per Camila Giorgi, numero 93 Wta, mai oltre il secondo turno nello Slam francese, esordio contro una giocatrice di casa, Oceane Dodin, numero 56 del ranking mondiale (nelle due precedenti partecipazioni è sempre stata eliminata all’esordio), in grande progresso negli ultimi mesi: tra le due non ci sono precedenti.

In tabellone ci sono anche altre due azzurre. Sorteggio di fuoco per Francesca Schiavone, numero 78 Wta, vincitrice sul “Philippe Chatrier” di uno storico trofeo Slam nel 2010 e finalista ancora dodici mesi dopo, che troverà dall'altra parte della rete la campionessa in carica, la spagnola Garbine Muguruza, numero 5 del ranking mondiale e quarta favorita del seeding, che a parte il successo del 2016 vanta anche i quarti nel 2015 e nel 2014. Uno pari il bilancio dei precedenti con la 36enne milanese che si è imposta al secondo turno al Foro Italico nel 2014 e la 23enne nata a Caracas a segno in Fed Cup la primavera dello scorso anno.
Per “nostra signora dello Slam”, alla 66esima partecipazione ad un Major, un primo turno difficile ma non impossibile vista la condizione ritrovata che ha permesso all’azzurra di vincere ad aprile a Bogotà il suo ottavo titolo in carriera e di arrivare in finale anche a Rabat, sempre sul “rosso”.

Infine Sara Errani, numero 91 Wta, finalista nel 2012, semifinalista nel 2013 e nei quarti nel 2014 e 2015, che quest’anno è dovuta partire dalle qualificazioni (7 i game concessi dalla romagnola in tre incontri), è stata abbinata alla giapponese Misaki Doi, numero 58 del ranking mondiale, alla sesta partecipazione allo Slam parigino, dove ha raggiunto il secondo turno nel 2015: la 30enne di Massa Lombarda si è aggiudicata l'unico precedente con la 26enne mancina di Yokohama (sono nate curiosamente lo stesso giorno: il 29 aprile) disputato nel 2013 sul cemento di Pechino. La Doi è reduce dall semifinale di Norimberga dove si è ritirata dopo aver perso il primo set contro la Bertens.
----------------------------

RISULTATI
"Roland Garros"
Grand Slam
Parigi, Francia
28 maggio - 11 giugno, 2017
€35.981.500 - terra rossa

SINGOLARE FEMMINILE
Primo turno
(31) Roberta Vinci (ITA) c. Monica Puig (PUR) Court 2: ore 11
Camila Giorgi (ITA) c. Oceane Dodin (FRA) Court 1: 3° match a partire dalle ore 11
Francesca Schiavone (ITA) c. (4) Garbine Muguruza (ESP)
(q) Sara Errani (ITA) c. Misaki Doi (JPN)

QUALIFICAZIONI FEMMINILI
Primo turno
(1) Sara Errani (ITA) b. (wc) Sara Cakarevic (FRA) 61 60
(12) Bethanie Mattek-Sands (USA) b. Jasmine Paolini (ITA) 46 62 63

Secondo turno
(1) Sara Errani (ITA) b. Veronika Kudermetova (RUS) 61 62

Turno di qualificazione
(1) Sara Errani (ITA) b. (20) Nicole Gibbs (USA) 63 60

SINGOLARE FEMMINILE ]]>
Sun, 28 May 2017 06:15:27 UTC
<![CDATA[ NESSUNA COME VENUS - Venti partecipazioni al Roland Garros ]]>
Fa meno paura l'avversaria di Venus: quando entrerà nel tardo pomeriggio di una domenica parigina insolitamente calda di un'estate anticipata eguaglierà due francesi, Fabrice Santoro e Francois Jauffret (per entrambi 20 presenze nel singolare maschile) affrontando la cinese Qiang Wang.

Chissà se ripenserà a quel lunedì 26 maggio 1997. Sembrava uscita da un provino a Hollywood quando entrò per la prima volta in campo al Roland Garros sul Court 1: treccine con perline bianche e un vestitino grigio. In tribuna c'era la sorella Serena, più giovane di un anno, ad applaudirla. Quel giorno nessuno pensava che le due Williams da lì a poco avrebbero dominato il tennis femminile (30 titoli dello Slam in due) come aveva predetto papà Richard, che tutti presero per pazzo visionario. Venus superò la giapponese Naoko Sawamatsu dopo una battaglia di oltre dure ore e mezza. Da allora ha giocato una finale nel 2002, persa contro la sorella, e raggiunto quattro volte i quarti. ]]>
Sun, 28 May 2017 07:19:05 UTC
<![CDATA[ SARA PRONTA PER PARIGI - "Sto bene, mi sento sempre meglio" ]]> “Sto bene, sono in crescita e questi tre incontri di ‘quali’ mi hanno aiutato a entrare al meglio nel torneo. La Doi è una giapponese atipica, che ama giocare in top spin anziché con colpi piatti come le sue connazionali”.

La romagnola, attualmente al numero 91 del mondo, si è detta carica e pronta al suo decimo Slam parigino. “Mi sto allenando bene – ha spiegato – cercando di utilizzare schemi aggressivi e offensivi. L’obiettivo è portare questo stile di gioco anche in partita. Non è semplice perché mi manca ancora un po’ di fiducia e tranquillità nella gestione dei momenti del match”.

Quest’oggi la Errani ha svolto un’intensa seduta di allenamento con la spagnola Carla Suarez Navarro, battuta proprio dall’azzurra negli ottavi di finale del 2013. “Quel match contro Carla è certamente uno dei ricordi più belli qui a Parigi – spiega Sarita -.probabilmente è nella mia Top-3 dei successi al Roland Garros, insieme alla semifinale vittoriosa su Samantha Stosur nel 2012 e la sfida sul Suzanne Lenglen contro Jelena Jankovic nel 2014 terminata 7-6 6-2”.

Non è stato un inizio semplice di stagione per la Errani, che sembra essersi rimessa decisamente in carreggiata con il suo team formata da Michele Montalbini e Andrea Capodimonte. “Sto bene, mi sento sempre meglio. Da febbraio a oggi sono cresciuta tanto sotto tutti gli aspetti. Fisicamente ho avuto vari problemi di varia natura, a partire da Indian Wells dove ero giunta senza forze. Sono entrata in forma con il passare delle settimane e sono pronta per il Roland Garros”. ]]>
Sat, 27 May 2017 14:07:27 UTC
<![CDATA[ ROLAND GARROS: 5 AZZURRI AL VIA - Fognini pesca Tiafoe, per Lorenzi c'è Berankis ]]> Il numero uno azzurro Fabio Fognini, numero 29 Atp e 28esima testa di serie, neo papà di Federico, comincia la sua decima avventura parigina affrontando il Next Gen statunitense Frances Tiafoe, numero 66 del ranking mondiale, alla seconda partecipazione allo Slam parigino dopo il debutto nel 2015 (1° turno): non ci sono precedenti fra il 19enne di Hyattsville e il ligure, 30 anni appena compiuti (il 24 maggio), che sulla terra parigina vanta i quarti del 2011 ed è stato sorteggiato nello spicchio di tabellone di Stan Wawrinka (numero 3 della classifica mondiale) per un eventuale terzo turno affascinante.

Paolo Lorenzi, attualmente numero 34 Atp, che nelle sei precedenti apparizioni parigine non è mai riuscito a superare il match d’esordio, debutterà contro il lituano Ricardas Berankis, al momento numero 243 Atp (in gara grazie al ranking protetto essendo reduce da un infortunio) e pure lui mai andato oltre al primo turno in tre apparizioni a Parigi: anche in questo caso si tratta di un confronto inedito.

Debutterà contro il colombiano Santiago Giraldo, numero 107 Atp e proveniente dalle qualificazioni, invece Andreas Seppi, attualmente numero 83 del ranking mondiale, che in undici partecipazioni allo Slam francese vanta come miglior risultato il quarto turno (ottavi) nel 2012: il 33enne di Caldaro si è aggiudicato i due precedenti testa a testa con il 29enne di Pereira (uno proprio a Parigi, nel 2014), anch’egli all’undicesima presenza nello Slam parigino, e in caso di tris vincente potrebbe al secondo turno dare vita a un derby tricolore proprio con Fabio Fognini.
Si sono guadagnati un posto nel main draw passando dalle qualificazioni Simone Bolelli e Stefano Napolitano. Il 31enne tennista bolognese, numero 463 Atp (ha potuto disputare il torneo parigino con il ranking protetto dopo l’infortunio dello scorso anno), per l'undicesima volta consecutiva nel tabellone principale del Roland Garros – suo trentesimo Slam in singolare della carriera – è stato sorteggiato con il francese Nicolas Mahut, numero 46 della classifica mondiale, che in 17 apparizioni parigine ha raggiunto il terzo turno in due occasioni (2012 e 2015): il 35eenne nato ad Angers ha vinto l’unico testa a testa, ma risalente al 2011, nelle qualificazioni di Valencia su cemento indoor, con Bolelli, che come miglior risultato vanta il terzo turno nel 2008 e nel 2015, quando riuscì a superare Steve Darcis e Viktor Troicki prima di arrendersi, solo al quinto set, a David Ferrer.
Napolitano, 22enne di Biella, numero 185 Atp, alla prima volta nel main draw di uno Slam, è stato invece abbinato al tedesco Mischa Zverev, numero 33 del ranking mondiale e 32esima testa di serie (in finale al torneo di Ginevra), che in cinque precedenti partecipazioni al Major parigino non ha mai superato il match d’esordio: non ci sono precedenti tra i due.
-------------------------

RISULTATI
"Roland Garros"
Grand Slam
Parigi, Francia
28 maggio - 11 giugno, 2017
€35.981.500 - terra rossa

SINGOLARE
Primo turno
Paolo Lorenzi (ITA) c. Ricardas Berankis (LIT)
Andreas Seppi (ITA) c. (q) Santiago Giraldo (COL)
(28) Fabio Fognini (ITA) c. Frances Tiafoe (USA)
(q) Simone Bolelli (ITA) c. Nicolas Mahut (FRA)
(q) Stefano Napolitano (ITA) c. (32) Misha Zverev (GER)

QUALIFICAZIONI MASCHILI
Primo turno
(31) Peter Gojowczyk (GER) b. Stefano Travaglia (ITA) 64 67(5) 64
(20) Luca Vanni (ITA) b. Marco Chiudinelli (SUI) 62 62
Stefanos Tsitsipas (GRE) b. (6) Thomas Fabbiano (ITA) 36 63 61
Gleb Sakharov (FRA) b. Federico Gaio (ITA) 64 67(5) 76(3)
(8) Marco Cecchinato (ITA) b. Riccardo Bellotti (ITA) 64 64
Salvatore Caruso (ITA) b. Inigo Cervantes (ESP) 75 64
Simone Bolelli (ITA) b. Christian Garin (CHI) 76 (4) 46 76 (6)
(10) Alessandro Giannessi (ITA) b. Calvin Hemery (FRA) 75 63
Matteo Donati (ITA) b. Jonathan Eysseric (FRA) 64 63
Stefano Napolitano (ITA) b. Lorenzo Giustino (ITA) 64 64

Secondo turno
Jozef Kovalik (SVK) b. (20) Luca Vanni (ITA) 64 64
(8) Marco Cecchinato (ITA) b. Salvatore Caruso (ITA) 62 61
Simone Bolelli (ITA) b. (24) Maximilian Marterer (GER) 63 16 64
Stefano Napolitano (ITA) b. Marton Fucsovic (HUN) 61 67(3) 76(4)
Matteo Donati (ITA) b. (10) Alessandro Giannessi (ITA) 63 36 76(10)

Turno di qualificazioni
Simone Bolelli (ITA) b. (8) Marco Cecchinato (ITA) 64 64
Stefano Napolitano (ITA) b. Alexander Bublik (KAZ) 64 67(5) 62
Marco Trungelliti (ARG) b. Matteo Donati (ITA) 75 76(5)

SINGOLARE MASCHILE ]]>
Fri, 26 May 2017 16:12:27 UTC
<![CDATA[ QUANTE PRETENDENTI PER IL TRONO - Muguruza in alto con Kerber, Halep con Pliskova ]]>



1° QUARTO - Per Angelique Kerber, numero uno del mondo quanto mai “contestata”, quello francese è stato fin’ora in carriera lo Slam più complicato: per la 29enne mancina di Brema il miglior risultato è rappresentato dai quarti di finale raggiunti nel 2012 (stoppata da Sara Errani) mentre lo scorso anno è uscita di scena addirittura al primo turno. Per la tedesca, che non vince un titolo dagli Us Open del 2016 (quasi nove mesi fa), esordio tutt’altro che comodo contro la russa Ekaterina Makarova, numero 40 Wta, che a Parigi è arrivata due volte negli ottavi (2015 e 2011), e probabile terzo turno contro Roberta Vinci prima di un ottavo dove potrebbe ritrovarsi contro - ma il condizionale è d’obbligo - Petra Kvitova che ha deciso di anticipare i tempi di rientro nel circuito dopo l’aggressione della quale era stata vittima pochi giorni prima di Natale (ferita alla mano sinistra, quella con la quale gioca). In questo primo quarto del tabellone sono capitate anche la russa Svetlana Kuznetsova, sempre molto pericolosa sulla terra francese sulla quale ha trionfato tra l’altro nel 2009: per “Sveta” esordio contro la McHale, quindi forse la Giorgi e poi guardando avanti una tra Caroline Wozniacki, con la danese che però a parte i quarti del 2010 ha raccolto poco all’ombra della Tour Eiffel, e l’olandese Kiki Bertens, semifinalista dodici mesi fa e reduce dal successo di Norimberga.

2° QUARTO - Detto dell’esordio non esattamente “comodo” contro Francesca Schiavone, non è che il resto del tabellone di Garbine sia una passeggiata, oltretutto considerando il fatto che le condizioni fisiche della spagnola potrebbero non essere ottimali (a Roma si è ritirata in semifinale per un problema al collo ma ha giocato tutta la settimana con la coscia fasciata): probabile secondo turno contro l’emergente estone Kontaveit, che si è messa in mostra anche al Foro Italico, quindi “miss simpatia” Putintseva prima di un ottavo di fuoco contro “Kiki” Mladenovic, desiderosa di mostrare davanti al pubblico di casa i progress compiuti quest’anno. Tabellone abbastanza agevole -sulla carta - quello della francese che non dovrebbe avere problemi fino al terzo turno contro la Lucic-Baroni. Nell’ultimo spicchio del secondo quarto, con tutto il rispetto per Venus Williams, i nomi più accreditati sono quelli dell’australiana Daria Gavrilova, finalista a Strasburgo, e della svizzera Timea Bacsinszky, semifinalista nel 2015 ed ancora nei quarti lo scorso anno, a meno di fiammate della “maestra” Dominika Cibulkova.

3° QUARTO - Qui si tratta di capire se Simona Halep, finalista nel 2014 (sconfitta dalla Sharapova), giocherà e in che condizioni lo farà. L’infortunio rimediato alla caviglia destra nella finale di Roma si è rivelato più grave del previsto e probabilmente la rumena deciderà solo all’ultimo momento se scendere in campo o meno, lei che ha vinto 26 degli ultimi 31 match disputati sul “rosso”. Per la 25enne di Costanta tabellone tutto sommato benevolo fino al terzo turno contro la russa Daria Kasatkina, più complicato sicuramente dell’ottavo contro l’altra russa, Elena Vesnina o magari contro la spagnola Suarez Navarro. I quarti poi potrebbero mandare in scena la rivincita della finale degli Internazionali BNL d’Italia con Elina Svitolina. L’ucraina però potrebbe avere un’avversaria già impegnativa al secondo turno, la tedesca Barthel, quindi la croata Konjuh prima di affrontare negli ottavi una tra Sevastova e Keys. Un tabellone non semplice quello della 22enne di Odessa che però in questa stagione è l’unica ad aver conquistato ben quattro titoli (Taipei City, Dubai, Istanbul e Roma).

4° QUARTO - Nell’ultimo settore la più accreditata (per classifica) insieme a Karolina Pliskova è Johanna Konta. La britannica, però, sul “rosso” offre ben poche garanzie. Ed il suo posto negli ottavi contro Aga Radwanska o Barbara Strycova potrebbe essere preso dalla francese Caroline Garcia, che proprio sulla terra parigina si mise in luce giovanissima, nel secondo turno del 2011, portando al terzo set Maria Sharapova (e spingendo Murray a twittare che stava ammirando la futura numero uno…). Nell’ultimo spicchio la ceca Karolina Pliskova, una con le carte in regola non solo per vincere al Roland Garros ma anche e soprattutto per impossessarsi dello scettro mondiale, deve stare soprattutto attenta alla russa Anastasia Pavlyuchenkova (quarti nel 2011), possibile avversaria negli ottavi, sempre che la connazionale Lucie Safarova non ritrovi la magia di due anni fa quando si arrese solo in finale a Serena in piena corsa Grand Slam. E c’è anche un’altra cosa che deve preoccupare la 25enne di Louny: la non trascurabile considerazione che a Parigi non è mai andata oltre il secondo turno….

OTTAVI IPOTETICI - Questi i match degli ottavi secondo l’orine del tabellone:
(1) Kerber c. (15) Kvitova
(11) Wozniacki c. (8) Kuznetsova
(4) Muguruza c. (13) Mladenovic
(10) V.Williams c. (6) Cibulkova
(6) Svitolina c. (12) Keys
(14) Vesnina c. (3) Halep
(7) Konta c. (9) A.Radwanska
(16) Pavlyuchenkova c. (2) Ka.Pliskova

SINGOLARE FEMMINILE


]]>
Fri, 26 May 2017 11:38:37 UTC