<![CDATA[ News della Federazione Italiana Tennis ]]> Thu, 19 Jul 2018 11:34:37 UTC <![CDATA[ FOGNINI LIVE ORA SU SUPERTENNIS - Bastad: debutta con Ymer. Già nei QF Bolelli ]]>
Giornata di riposo, invece, per Simone Bolelli. Il 32enne di Budrio numero 153 Atp, proveniente dalle qualificazioni, mercoledì ha eliminato per 76(8) 63, in un'ora e 54 minuti di gioco, l'argentino Diego Schwartzman, numero 12 Atp e prima testa di serie del torneo, prendendosi la rivincita per l'unico precedente, vinto dal 25enne di Benos Aires che si era imposto nel 2014 in semifinale alle Atp Tour Challenger Finals (terra indoor). Venerdì nei quarti Bolelli troverà dall'altra parte della rete lo svizzero Henri Laaksonen, numero 148 Atp, ripescato in tabellone come lucky loser, che ha stoppato con un doppio 62, in appena 58 minuti di partita, Matteo Berrettini, 22enne romano numero 75 del ranking mondiale. Un solo precedente tra i due, favorevole all'azzurro che si è imposto in tre set nel primo turno di Ginevra nel 2014.

RISULTATI GIOVEDI' - Secondo turno: Delbonis (ARG) b. (8) Millman (AUS) 64 64.

SuperTennis, la TV della FIT, trasmette in diretta ed in esclusiva il torneo ATP 250 di Bastad. Questa la programmazione:
giovedì 19 luglio - LIVE
alle ore 13.00
Fognini (ITA) b. M.Ymer (SWE)
alle ore 15.00
Ruud (NOR) c. Ferrer (ESP)
a seguire
Gasquet (FRA) c. GMelzer (AUT)

venerdì 20 luglio - LIVE alle ore 11.00, alle ore 13.00, alle ore 15.00 ed alle ore 17.00
sabato 21 luglio - LIVE alle ore 13.00 ed alle ore 15.00 (semifinali)
domenica 22 luglio - LIVE alle ore 14.00 (finale)

----------------------------------

RISULTATI
"SkiStar Swedish Open"
ATP World Tour 250
Bastad, Svezia
16 - 22 luglio, 2018
€501.345 - terra battuta

SINGOLARE
Primo turno
(q) Simone Bolelli (ITA) b. Roberto Carballes Baena (ESP) 46 63 64
Matteo Berrettini (ITA) b. (6) Leonardo Mayer (ARG) 36 63 64
(3) Fabio Fognini (ITA) bye
(5) Fernando Verdasco (ESP) b. Lorenzo Sonego (ITA) 64 36 61

Secondo turno
(q) Simone Bolelli (ITA) b. (1) Diego Schwartzman (ARG) 76(8) 63
(LL) Henri Laaksonen (SUI) b. Matteo Berrettini (ITA) 62 62
(3) Fabio Fognini (ITA) c. (wc) Mikael Ymer (SWE)

Quarti
(q) Simone Bolelli (ITA) c. (LL) Henri Laaksonen (SUI)

DOPPIO
Primo turno
Simone Bolelli/Fabio Fognini (ITA) b. Leonardo Mayer/Andres Molteni (ARG) 62 64

Quarti
Simone Bolelli/Fabio Fognini (ITA) c. Marc Lopez/Jaume Munar (ESP)

QUALIFICAZIONI
Primo turno
(4) Simone Bolelli (ITA) b. Pedro Martinez (ESP) 62 63

Turno di qualificazione
(4) Simone Bolelli (ITA) b. (7) Viktor Galovic (CRO) 64 62 ]]>
Thu, 19 Jul 2018 11:05:42 UTC
<![CDATA[ UMAGO: CECCHINATO AI QUARTI - Venerdì trova Djere. Esordio Rublev: live alle 20 ]]>
“Una partita molto complicata, difficile da gestire. Forse la mia peggiore di tutto l’anno" - spiega -. "Avevo brutte sensazioni, lui non stava bene e non mi dava ritmo. Tuttavia sono stato bravo perché, qualche mese fa, non avrei vinto. Lui ha uno dei migliori servizi in circolazione, io non trovavo le giuste misure e per giunta servivo male. Proprio quell’arma per me così importante e alla quale spesso mi sono aggrappato per portare a casa i match grazie a percentuali piuttosto alte. Troppe cose insieme. Ecco perché mi considero a bravo a essere uscito dal campo vincitore”. Venerdì Cecchinato si giocherà un posto nelle semifinali con il serbo Laslo Djere, numero 100 del ranking mondiale: un solo precedente, favorevole al siciliano che si è imposto piuttosto nettamente in finale al challenger di Milano due anni fa. “E’ entrato tra i primi 100 ed è reduce da due belle vittorie. Sarà duro da battere" - aggiunge Cecchinato - "ma sono fiducioso: ho davanti a me un giorno intero per allenarmi bene, sperando di trovare subito le giuste sensazioni e giocare meglio di come ho fatto”.

Oggi si completano i match di secondo turno. Riflettori puntati sull'esordio nel torneo del campione in carica, il russo Andrey Rublev, numero 35 del ranking mondiale e quarto favorito del tabellone, fermo dal "1000" di Monte-Carlo per una frattura da stress alla schiena. Il 20enne moscovita entra in gara affrontando il canadese Felix Auger-Aliassime, numero 144 Atp, 17 anni da Montreal, in una sfida decisamente Next Gen (37 anni in due!). Non ci sono precedenti confronti diretti.

SuperTennis, la TV della FIT, trasmette in diretta ed in esclusiva il torneo ATP 250 di Umago. Questa la programmazione:
giovedì 19 luglio - LIVE alle ore 17.30
Klizan (SVK) c. Haase (NED)
alle ore 20.00
Rublev (RUS) c. Auger-Aliassime (CAN)

venerdì 20 luglio - LIVE alle ore 20.00; differita alle ore 22.00
sabato 21 luglio - LIVE alle ore 17.00 ed alle ore 20.00 (semifinali)
domenica 22 luglio - LIVE alle ore 20.00 (finale)

------------------------

RISULTATI
"Plava Laguna Croatian Open"
ATP World Tour 250
Umago, Croazia
16 - 22 luglio, 2018
€501.345 - terra battuta

SINGOLARE
Primo turno
Jiri Vesely (CZE) b. (q) Stefano Travaglia (ITA) 63 36 62
(3) Marco Cecchinato (ITA) bye
Evgeny Donskoy (RUS) b. Paolo Lorenzi (ITA) 63 64

Secondo turno
(3) Marco Cecchinato (ITA) b. Jiri Vesely (CZE) 26 75 75

Quarti
(3) Marco Cecchinato (ITA) c. Laslo Djere (SRB)

DOPPIO
Primo turno
Maximilian Marterer/Hans Podlipnik-Castillo (GER/CHI) b. Marco Cecchinato/Albert Ramos Vinolas (ITA/ESP) 63 64
Paolo Lorenzi/Guido Pella (ITA/ARG) b. (wc) Marin Draganja/Tomislav Draganja (CRO) 63 61

Quarti
Paolo Lorenzi/Guido Pella (ITA/ARG) c. vinc. Santiago Gonzalez/Joao Sousa (MEX/POR)-Antonio Sancic/Andrei Vasilevski (CRO/BLR)

QUALIFICAZIONI
Primo turno
(4) Stefano Travaglia (ITA) b. Gian Marco Moroni (ITA) 76(3) 76(1)

Turno di qualificazione
(4) Stefano Travaglia (ITA) c. Pedja Krstin (SRB) 16 63 62 ]]>
Thu, 19 Jul 2018 06:01:46 UTC
<![CDATA[ GAUFF N.1 DEI RECORD DI PRECOCITA' - A 14 anni e 4 mesi è la più giovane regina junior ]]> “Voglio essere la più grande di sempre”. Del resto, i geni di famiglia promettono benissimo: papà Corey, giocava guardia alla Georgia State University, mamma Candi era una ginnasta di talento, cinque volte campionessa di heptathlon alla Florida State University. E potevano capire con un colpo d’occhio: “La qualità che ci ha più colpito in lei è stata la capacità unica di concentrarsi totalmente per 15-20 minuti”. Così, a 6 anni, vedendo che aveva una grande reattività e colpo d’occhio sulla palla, le hanno messo una racchetta in mano, tre anni dopo si sono trasferiti da Atlanta a Delray Beach in Florida per offrirle più opportunità di allenamento e un miglior futuro con la racchetta. Anche se la ragazza transita spesso per la nuova accademia di Mouratoglou a Nizza. Alta 1.75, con braccia e gambe lunghe e affusolate, quasi una sosia di Venus Williams bambina, con un bel servizio e perentori colpi da fondo campo, ringrazia proprio Patrick il francese: “Alla sua accademia mi hanno sicuramente aiutato a sviluppare il mio gioco, mi hanno aggiunto spin e consistenza ed ho imparato a giocare sulla terra rossa”.

Forte di dritto, ma ancora più forte di rovescio, ha angolazioni e slice e va pure tanto ma tanto più a rete delle avversarie. E’, insomma, l’evoluzione della specie del tennis donne. Anche se la sua promozione fra le pro è ritardata ad arte dalla “Regola Capriati” istituita dalla Wta per evitare altri disastri di bambine prodigio bruciate all’impatto col professionismo come quello della straordinaria Jennifer negli anni 90. Per cui, a 14 anni, Coco può giocare appena due tornei sul massimo circuito e deve accontentarsi di battere altri primati di precocità. Come a Wimbledon, dov’era la più giovane del tabellone ma figurava fra le favorite, dopo aver firmato il torneo della vigilia, a Roehampton, e si è arresa nei quarti alla cinese Wang, di tre anni più grande, per 6-4 al terzo set. Ma per la Gauff la differenza d’età non è un problema, a anche agli Us Open di settembre ha perso, a 13 anni, contro la 16enne connazionale Amanda Anisimova, e l’altra americana, Caty McNally, che ha superato a maggio sotto il traguardo del Roland Garros ne aveva due di più.
Speriamo continui a divertirsi e non rimanga schiacciata dalle enormi aspettative che ci sono su di lei. ]]>
Thu, 19 Jul 2018 07:50:25 UTC
<![CDATA[ FACCINE DA ... STAR! - Video: da Masha a Vika, da Serena a Roberta ]]>


]]>
Wed, 18 Jul 2018 11:17:41 UTC
<![CDATA[ ONLINE LA RIVISTA SETTIMANALE - Nole ed Angie, guarda chi si rivede... ]]> Cielo azzurro a New York

di Enzo Anderloni

Da uno Slam all’altro: le classifiche Atp e Wta del giorno dopo la finale di Wimbledon sono già quelle che determinano l’entry list degli Us Open, che cominceranno lunedì 27 agosto. Ci siamo emozionati per la resurrezione di Novak Djokovic, per la sfida epica con Nadal in semifinale, per la maratona di servizi vinta da Kevin Anderson con John Isner (dopo aver lottato e vinto per più di quattro ore con Federer). E per il ritorno alla vittoria Slam della Kerber insieme al ritorno di mamma Serena Williams a un livello che la porta a sfiorare il 24° Slam da record.
Ma l’emozione che resta di più in noi italiani è un’altra maglia azzurra grande protagonista a questi livelli dopo la semifinale di Marco Cecchinato al Roland Garros. Camila Giorgi ha infatti finalmente dimostrato che la sua convinzione di poter fare qualcosa di davvero grande (come uno Slam) non è una chimera. Lo storico quarto di finale raggiunto, la partita testa a testa con Serena, la proiettano verso i campi duri americani con una nuova forma mentis. Di sicuro consolidata. E dunque con un potenziale enorme in questo tennis femminile ancora alla ricerca di leader.
Dall’altra parte, quella del tabellone maschile, ci presentiamo a New York con 5 giocatori già sicuri (Fabio Fognini n.15, Marco Cecchinato n.27, Andreas Seppi n.50, Matteo Berrettini n.75, Paolo Lorenzi n.88) e un sesto assai probabile: Thomas Fabbiano con il quarto turno ai Champioship è risalito al n.107 e le ammissioni dirette nel main draw di Flushing Meadows sono 104. Poi ci sono i più vicini alla Top 100 che aggrediranno il torneo di qualificazione: i Sonego, i Travaglia, i Bolelli. E magari il Gianluigi Quinzi che sale piano piano e questa settimana ha stabilito il nuovo personale “best ranking” al n.167 del mondo. Da qui a fine anno non ha praticamente più niente da perdere. Può solo migliorare. E cominciare a dare un seguito di prestigio a quel suo trionfo a Wimbledon Juniores del 2013.
I nove italiani nel tabellone maschile dei Championships sono stati un record che ci ha ingolosito. Ma insieme alla quantità c’è la qualità dei nostri giocatori e la nuova consapevolezza che se Cecchinato e Giorgi sono andati così avanti negli Slam, l’occasione ci sia per tutti quelli che lavorano con la mentalità giusta. Una mentalità che oggi è sempre più condivisa in Italia tra giocatori e coach. Arriva fino al settore giovanile: i Musetti, le Cocciaretto, protagonisti a 16 3 17 anni tra gli under 18, e ad altri dietro di loro. Le classifiche Itf ci dicono che il prossimo anno agli Open d’Australia under 18, tra qualificazioni e main draw, ci saranno tra i 15 e i 20 azzurrini. Un fatto senza precedenti.
Dunque che qualcuno possa brillare anche agli Us Open è molto più una probabilità che un sogno. Godiamoci dunque quest’estate d’attesa di nuove emozioni. I meteorologi dicono: cielo azzurro a New York. E se avessero davvero ragione?

Articolo tratto da SuperTennis Magazine n. 28 - 2018

RIVISTA SUPERTENNIS

Registrandovi al servizio My Fit Score potrete riceverla automaticamente ogni mercoledì via newsletter. La rivista è scaricabile (e stampabile) in formato pdf.

SuperTennis Magazine - Anno XIV - n.28 - 18 luglio 2018

In questo numero:
Prima pagina –Cielo azzurro a New York Pag.3
Wimbledon: riparte l’inseguimento: Djokovic verso l’infinito Pag.4
Wimbledon: Così Angiue Kerber è tornata regina Pag.8
Terza pagina: Newport, dove il tennis dura… un’eternità Pag.12
Focus Next Gen –Rublev, ma dov’eri finito? Pag.14
I numeri della settimana –Siamo solo noi… 4 Pag.15
Il tennis in tv – Tra mare e montagna Pag.18
Personal coach – L’ITF guarda avanti. E l’Italia è in prima fila Pag.20
Giovani – Baby Musetti è tosto anche sul verde Pag.22
Circuito Fit-Tpra – Ci sono 5 amatori che possono fare lo Slam Pag. 24
Racchette & dintorni: Head Speed 360: quale delle due? Pag.27
L’esperto risponde – Esiste un libro sulla nascita del tennis moderno? Pag.28
]]>
Wed, 18 Jul 2018 09:37:26 UTC