<![CDATA[ News della Federazione Italiana Tennis ]]> Thu, 21 Mar 2019 03:50:02 UTC <![CDATA[ DEBUTTA FABBIANO, OUT BERRETTINI - Miami: al via pure Cecchinato, Fognini e Sonego ]]>
Nella tarda serata italiana debutto anche per Thomas Fabbiano, 29enne di San Giorgio Ionico numero 90 del ranking mondiale, che trova dall’altra parte della rete il bielorusso Ilya Ivashka, numero 110 Atp (1-1 i precedenti).

In tabellone ci sono altri tre azzurri. Lorenzo Sonego, 23enne torinese numero 106 del ranking mondiale, promosso dalle qualificazioni, al primo turno dovrà vedersela con lo slovacco Martin Klizan, numero 48 Atp (sfida inedita). Per il piemontese è la terza partecipazione al main draw di un "1000" dopo le due agli Internazionali BNL d'Italia (2016 e 2018).
Ingresso in gara direttamente al secondo turno, invece, per Marco Cecchinato e Fabio Fognini. Il 26enne palermitano, numero 16 del ranking mondiale e 14esima testa di serie, attende il vincente del match tra la wild card statunitense Christopher Eubanks, numero 150 Atp, ed il bosniaco Damir Dzumhur, numero 53 Atp: il 31enne di Arma di Taggia, numero 17 del ranking mondiale e 15esima testa di serie, debutta contro l’argentino Guido Andreozzi, numero 80 Atp (nessun precedente).

In gara ci sono 15 dei primi 17 giocatori del ranking: assenti, entrambi per problemi alle ginocchia, lo spagnolo Rafael Nadal, numero 2 del ranking mondiale, e l’argentino Juan Martin Del Potro, numero 8 Atp. A guidare il seeding è il numero uno del mondo, il serbo NovakDjokovic, già 6 volte trionfatore a Miami (2007, 2008, 2011, 2012, 2014-2016), davanti al tedesco Alexander Zverev, all’austriaco Dominic Thiem (reduce dal suo primo trofeo “1000” conquistato ad Idian Wells), lo svizzero Roger Federer, vincitore in tre occasioni (2005, 2006 e 2017), il giapponese Kei Nishikori, il sudafricano Kevin Anderson, lo statunitense John Isner, campione in carica, ed il Next Gen greco Stefanos Tsitsipas. Le 32 teste di serie entrano in gara direttamente al secondo turno.

RISULTATI MERCOLEDI' - primo turno: Delbonis (ARG) b. Gojowczyk (GER) 64 62, Carballes-Baena (ESP) b. Kudla (USA) 61 62, Tipsarevic (SRB) b. Klahn (USA) 63 63, Andreozzi (ARG) b. Kukushkin (KAZ) 76(3) 64, Hurkacz (POL) b. Berrettini (ITA) 64 63, M.Zverev (GER) b. Kuhn (ESP) 46 75 2-2 rit, .
-----------------------

RISULTATI
"Miami Open"
ATP World Tour Masters 1000
Miami (Florida), Stati Uniti
21 - 31 marzo, 2019
$8.359.455 - cemento

SINGOLARE
Primo turno
(15) Fabio Fognini (ITA) bye
Thomas Fabbiano (ITA) c. Ilya Ivashka (BLR) 46 3-0 sospesa per pioggia
(q) Lorenzo Sonego (ITA) c. Martin Klizan (SVK)
Hubert Hurkacz (POL) b. Matteo Berrettini (ITA) 64 63
(14) Marco Cecchinato (ITA) bye

Secondo turno
(15) Fabio Fognini (ITA) c. Guido Andreozzi (ARG)
(14) Marco Cecchinato (ITA) c. vinc. (wc) Christopher Eubanks (USA)-Damir Dzumhur (BIH)

DOPPIO
Primo turno
Marco Cecchinato/Andres Molteni (ITA/ARG) c. (1) Lukasz Kubot/Marcelo Melo (POL/BRA)

QUALIFICAZIONI
Primo turno
(1) Radu Albot (MDA) b. Gianluigi Quinzi (ITA) 76(5) 60
(2) Felix Auger-Aliassime (CAN) b. Luca Vanni (ITA) 46 64 61
(17) Paolo Lorenzi (ITA) b. Ruben Bemelmans (BEL) 75 36 76(5)
(18) Lorenzo Sonego (ITA) b. Ramkumar Ramanathan (IND) 64 61

Turno di qualificazione
(2) Felix Auger-Aliassime (CAN) b. (17) Paolo Lorenzi (ITA) 76(1) 62
(18) Lorenzo Sonego (ITA) b. (4) Mackenzie McDonald (USA) 75 64

SINGOLARE MASCHILE
]]>
Wed, 20 Mar 2019 22:59:10 UTC
<![CDATA[ MIAMI: C’E’ LA GIORGI IN TABELLONE - Il torneo in diretta su SuperTennis ]]>
In tabellone ci sono tutte le più forti a cominciare dalla numero uno del mondo, la giapponese Naomi Osaka. Dietro di lei nel seeding la rumena Simona Halep, la ceca Petra Kvitova, la statunitense Sloane Stephens, campionessa in carica, l’altra ceca Karolina Pliskova, l’ucraina Elina Svitolina, la danese Kiki Bertens, la tedesca Angelique Kerber, la bielorussa Aryna Sabalenka e l’altra statunitense Serena Williams, trionfatrice in questo torneo in ben otto occasioni (2002-2004, 2007, 2008, 2013-2015).
Tra le “past champion” in gara anche l’americana Venus Williams, tre volte vincitrice in Florida (1998, 1999 e 2001) esattamente come la bielorussa Victoria Azarenka (2009, 2011 e 2016). Al via anche la britannica Johanna Konta, a segno nel 2017.

RISULTATI MERCOLEDI' - primo turno: Sorribes Tormo (ESP) b. Krunic (SRB) 63 46 60, Azarenka (BLR) b. Cibulkova (SVK) 62 36 64, Sakkari (GRE) b. (wc) Danilovic (SRB) 16 63 64, Anisimova (USA) b. Petkovic (GER) 64 63, Siniakova (CZE) b. Zheng (CHN) 63 61, Putintseva (KAZ) b. Flipkens (BEL) 46 64 75, Vondrousova (CZE) b. Strycova (CZE) 63 62, Stosur (AUS) b. Rodina (RUS) 64 62, Rybarikova (SVK) b. (wc) Vikhlyantseva (RUS) 16 75 76(4), Yastremska (UKR) b. Alexandrova (RUS) 63 62, Parmentier (FRA) b. Gasparyan (RUS) 46 61 76(4), (wc) X.Wang (CHN) b. Puig (PUR).

”SuperTennis”, la tv della Fit, trasmette in diretta ed esclusiva il torneo Wta di Miami. Questa la programmazione:
giovedì 21 marzo - LIVE
alle ore 00.30
Begu (ROU) c. Andreescu (CAN)

giovedì 21 marzo - LIVE alle ore 17.00, alle ore 19.00, alle ore 21.00 ed alle ore 23.00
venerdì 22 marzo - LIVE alle ore 00.30; alle ore 17.00, alle ore 19.00, alle ore 21.00 ed alle ore 23.00
sabato 23 marzo - LIVE alle ore 02.30; alle ore 17.00, alle ore 19.00 e alle ore 21.00
domenica 24 marzo - LIVE alle ore 00.05 e alle ore 02.00; alle ore 17, alle ore 19, alle ore 21 e alle ore 23
lunedì 25 marzo - LIVE alle ore 00.30; alle ore 17.00, alle ore 19.00 ed alle ore 21.00
martedì 26 marzo - LIVE alle ore 00.05, alle ore 02.00; alle ore 19.00
mercoledì 27 marzo - LIVE alle ore 00.30; alle ore 18.00
giovedì 28 marzo - LIVE
venerdì 29 marzo – LIVE
sabato 30 marzo - LIVE (finale)

-----------------

RISULTATI
"Miami Open"
Wta Premier Mandatory
Key Biscayne - Miami, Florida (Usa)
19 - 30 marzo, 2019
$9.035.428 - cemento

SINGOLARE
Primo turno
(29) Camila Giorgi (ITA) bye

Secondo turno
(29) Camila Giorgi (ITA) c. vinc. Anna-Karolina Schmiedlova (SVK)-Tatjana Maria (GER)

SINGOLARE FEMMINILE
]]>
Wed, 20 Mar 2019 22:50:27 UTC
<![CDATA[ PER MIAMI PARTE UNA NUOVA ERA - Hard Rock Stadium: 30 campi e tanti altri servizi ]]> “Quando la gente arriverà qui, capirà che evento straordinario stiamo creando”. Così parlava il direttore del Miami Open, James Blake, mentre si stavano completando i lavori per l'inizio di una nuova era. Non si giocherà più a Crandon Park come dal 1987, ma all'Hard Rock Stadium, dove giocano i Miami Dolphins, franchigia storica del campionato di football americano. Trenta campi, di cui 11 per gli allenamenti, in gran parte costruiti nel vecchio parcheggio sud dello stadio, disegnano il futuro di uno dei tornei più importanti della stagione dopo gli Slam. Il centrale, da 14 mila posti, è dentro lo stadio, fra le due linee da 30 yard.




L'impianto, costruito nel 1987 e costantemente ammodernato, dopo l'ultimo rinnovamento targato HOK e costato quasi mezzo miliardo di dollari fra 2015 e 2016, mantiene le storiche rampe circolari d'accesso. Quattro pennoni angolari caratterizzano la copertura rettangolare dello stadio nel quale si sono innestate anche nuove porzioni in vetro. Il centrale utilizza la tribuna sud, destinata ai clienti premium, e ne aggiunge di modulari sugli altri tre lati. Strutture che poi saranno smontate e conservate nella pancia dello stadio per essere rimontate l'anno successivo dopo l'ultima partita casalinga dei Dolphins. La vera sfida arriverà l'anno prossimo, perché l'Hard Rock è stato già selezionato per ospitare, per la sesta volta nella sua storia, il Superbowl, la finale per il titolo NFL che è diventato negli anni un mega-evento glamour che attira le superstar del pop per il concerto dell'intervallo. Si giocherà il 2 febbraio, e gli organizzatori avranno solo sei settimane per metter su il Centrale.

Il patron dei Dolphins, Stephen Ross, ha spinto per ospitare il torneo e mantenerlo a Miami dopo l'infruttuoso esito di una battaglia legale lunga cinque anni per l'ammodernamento di Crandon Park. Ha anche ottenuto, riferiva tempo fa il Miami Herald, un contributo di un paio di milioni per aver mantenuto l'evento in città. Il progetto di rinnovamento del vecchio impianto nell'isolotto di Key Biscayne è stato bloccato dalla famiglia Matheson, vecchi proprietari della zona che in base a un accordo del 1993 mantengono potere decisionale su ogni modifica dell'area. Possono infatti nominare due membri nel comitato dei quattro che approva o respinge ogni progetto sull'isola. L'ostruzionismo di Bruce Matheson ha bloccato l'iniziativa che pure i cittadini avevano mostrato di gradire: il 70% aveva infatti votato sì alle modifiche in un precedente referendum.

A Crandon Park, di fatto un'antica discarica dopo il ponte che porta all’isolotto di Key Biscayne, Butch Buchholz immaginò la sede del suo ‘Wimbledon d’inverno’, un grande torneo prima degli Slam estivi. Crandon Park diventa il teatro dell'evento dalla terza edizione, nel 1987. Non c'è ancora un Centrale permanente, i lavori iniziano nel 1992 ma l’Uragano Andrew e la Tempesta del secolo del 1993 rimandano i piani. Il primo incontro nel nuovo stadio si gioca l'11 marzo 1994, Karin Kschwendt batte Kathy Rinaldi-Stunkel 6-3 6-4. Crandon Park ha visto il primo Federer-Nadal della storia del tennis, nel 2004, e la prima chiamata di Hawk Eye nel 2006: Jamea Jackson perde il primo duello con la macchina nel match contro Ashley Harkleroad.

Il torneo perde qualcosa in termini di fascino paesaggistico, ma il salto di qualità in termini di strutture e di potenziale esperienza per i giocatori è evidente. La nuova sede prevede due palestre, di cui una al coperto, spogliatoi decisamente più grandi e una players lounge grande il triplo della precedente. Ai giocatori e relativi ospiti è riservata anche l'area del parcheggio nord (900 posti), destinata durante le partite dei Dolphins agli spettatori VIP che possono arrivare e ripartire attraverso una corsia dedicata sopraelevata che porta direttamente all'imbocco dell'autostrada.

Oltre al centrale, la nuova sede prevede un Grand Stand da 5000 posti, il campo 1 da 3000 e il campo 2 da 1500 spettatori. L'intento complessivo non si limita al tennis. La volontà di creare nuovi prodotti e nuove esperienze, che porta al coinvolgimento di chef e artisti per accompagnare la fruizione dell'evento nello spirito di una città cosmopolita e multiforme, apre a una sinergia più ampia. È sempre più chiaro il piano di Ross di trasformare l'Hard Rock Stadium in una struttura che viva tutto l'anno. Infatti ha già ospitato il college football, amichevoli di calcio (ci ha giocato anche la Juve contro il PSG un paio di estati fa) e una lunga serie di concerti: il prossimo agosto torneranno ad esibirsi qui i Rolling Stones.

Naturalmente, ha detto Blake, per questa prima edizione ci saranno molti addetti in più per aiutare i tifosi. “A Crandon Park, le persone sapevano dove andare, conoscevano il posto. Ora anche i giocatori rischiano di perdersi tra lo spogliatoio e la lounge. Ma vogliamo da loro, e dagli spettatori, tutti gli input possibili per migliorare. Non abbiamo restrizioni. Non abbiamo limiti”. È il business, bellezza. The show must go on. ]]>
Tue, 19 Mar 2019 13:31:07 UTC
<![CDATA[ UN CUCCIOLO PER SASCHA - A Miami Zverev ha adottato un cagnolino (video) ]]> "E' rimasto in braccio a lungo e si è addormentato" - ha raccontato il tedesco - "è sembrato molto felice ed anche io sono contento di portarlo a casa".
Insieme a Zverev si sono trattenuti a giocare con i cani, tra gli altri, anche John Isner, Belinda Bencic e Jelena Ostapenko.














]]>
Wed, 20 Mar 2019 10:31:18 UTC
<![CDATA[ RESTAURAZIONE O RIVOLUZIONE? - Miami: Nole punta al Settebello, ma Thiem & C... ]]>
DJOKOVIC A CACCIA DEL “SETTEBELLO” DA RECORD - A tentare di frenare questi “moti carbonari” sul cemento dell’Hard Rock Stadium (la “casa” dei Miami Dolphins di football NFL), nuova sede dell’appuntamento in Florida che prima era ospitato a Crandon Park di Key Biscayne, sono chiamati Novak Djokovic e Roger Federer. Sono infatti in infermeria, e quindi solo spettatori in questo caso, Andy Murray, alle prese con la convalescenza dopo la seconda operazione all’anca per cercare di risolvere il problema che gli ha impedito di essere competitivo nelle ultime stagioni, e Rafael Nadal, numero 2 del ranking mondiale, a sua volta bloccato dall’ennesimo infortunio, con il riacutizzarsi della tendinite al ginocchio destro, con forfait in semifinale a Indian Wells e ritorno in patria, per curarsi e prepararsi all’amata terra. Oltre allo spagnolo, l’altro big assente è l’argentino Juan Martin Del Potro, numero 8 Atp, a sua volta alle prese con i postumi della frattura alla rotula dell’ottobre scorso e una sempre più probabile operazione, con conseguente lungo stop per “Palito”. Il sorteggio ha per così dire agevolato le punte di diamante della “vecchia guardia”, che possono sfidarsi solo in finale, visto che il 37enne fuoriclasse di Basilea, numero 5 Atp e quarta testa di serie, è stato collocato nella parte bassa del tabellone, quella presidiata come secondo favorito dal tedesco Alexander Zverev, numero 3 del mondo, mentre Dominic Thiem, balzato al quarto posto del ranking grazie al trionfo californiano e terza testa di serie, è finito sopra, nella metà del serbo numero uno del mondo, ovviamente in cima al seeding - al via ci sono 15 dei primi 17 della classifica mondiale – e già sei volte trionfatore a Miami (2007, 2008, 2011, 2012, 2014-2016), leadership che condivide con Andre Agassi.




DALLA PARTE DI NOLE FOGNINI E POI ISNER - Tutte le 32 teste di serie entrano in gara direttamente al secondo turno e Nole, chiamato a riscattare l’uscita di scena a Indian Wells per mano di Kohlschreiber, esordirà contro l’australiano Bernard Tomic o un giocatore proveniente dalle qualificazioni, quindi molto probabilmente al terzo turno troverà l’australiano John Millman, poi negli ottavi uno tra Bautista Agut e Fabio Fognini (l’azzurro è la 15esima testa di serie), con possibile incrocio nei quarti con Milos Raonic o John Isner (campione in carica, nella foto), rispettivamente numero 12 e 7 del seeding, che con il servizio di cui dispongono su questi campi sono sempre clienti da prendere con le molle.

QUANTE INSIDIE PER THIEM, RE A INDIAN WELLS - Per quanto riguarda Thiem, l’austriaco debutterà con il vincente del match fra Matteo Berrettini e il polacco Hubert Hurkacz, reduce dai quarti a Indian Wells, al terzo turno potrebbe trovare, salvo sorprese, l’ungherese Fucsovics, poi probabile incrocio con Monfils agli ottavi (se il francese avrà smaltito il problema al tendine d’Achille che lo ha costretto al ritiro la settimana scorsa) e successivamente eventuali quarti contro Kei Nishikori, numero 6 del ranking e quinta testa di serie, senza trascurare il fatto che il giapponese deve disinnescare alcune pericolose mine vaganti come Nick Kyrgios, numero 27 del seeding, e il croato Borna Coric, undicesima testa di serie.

PER FEDERER ALTRO DERBY CON WAWRINKA - Scendendo nella metà inferiore del tabellone, Federer, vincitore a Miami in tre occasioni (2005, 2006 e 2017), comincerà il suo cammino affrontando al secondo turno l’australiano Ebden per poi al terzo trovarsi di fronte, come a Indian Wells, il connazionale e amico Stan Wawrinka, numero 30 del seeding (sempre che Krajinovic non gli faccia lo sgambetto…). Agli ottavi il campione elvetico vincitore di 20 Slam se la vedrebbe con uno tra Medvedev e Schwarztman, poi ipotetico quarto di finale con Kevin Anderson, sesta testa di serie (da verificare le condizioni del gigante sudafricano, con Dimitrov o Khachanov in agguato per infilarsi nel possibile corridoio).

LA SEZIONE DI ZVEREV NEL SEGNO DEI NEXT GEN - E’ all’insegna dei Next Gen lo spot di tabellone più in basso, considerando che Sascha Zverev dopo l’esordio con Querrey o Ferrer dovrebbe incrociare al terzo turno Frances Tiafoe, numero 28 del seeding (o Kecmanovic, se saprà ripetersi?), per poi negli ottavi trovare uno fra Marco Cecchinato, 14esima testa di serie, o David Goffin. E dovesse giungere nei quarti, numeri alla mano, il ragazzone di Amburgo, finalista dodici mesi fa, avrebbe una sfida di fuoco con il greco Stefanos Tsitsipas, numero 10 della classifica mondiale e ottava testa di serie (le alternative sono Cilic o un altro teen ager rampante come Shapovalov).

SINGOLARE MASCHILE
]]>
Tue, 19 Mar 2019 08:31:30 UTC