-

Ristori per le associazioni e le società sportive: ecco criteri e modalità per presentare la richiesta

Il governo ha stanziato 53 milioni a fondo perduto per i gestori di impianti sportivi. Tutte le informazioni utili e i documenti necessari per accedere ai contributi.

05 agosto 2022

I campi del Circolo Equitazione Reggio Emilia

I campi del Circolo Equitazione Reggio Emilia

Il Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 30 giugno scorso, pubblicato sul sito del Dipartimento dello Sport il 1° agosto, stanzia un contributo a fondo perduto di 53 milioni di Euro in favore dei gestori di impianti sportivi.

Con questa comunicazione ai suoi Affiliati, la Federazione Italiana Tennis desidera fornire tutte le informazioni utili sia sui criteri necessari per poter accedere al contributo che sulle modalità da seguire per poterlo richiedere.

Il contributo potrà essere erogato alle Associazioni e le Società Sportive che alla data del 2 marzo 2022 risultavano iscritte nel Registro Nazionale delle Associazioni e Società Sportive dilettantistiche, e che siano, alla data di pubblicazione del presente decreto (1° agosto 2022), affiliate alla Federazione Italiana Tennis e che abbiano per oggetto sociale anche la gestione di impianti sportivi.

 

PRESUPPOSTI OGGETTIVI PER ESSERE AMMESSI AL CONTRIBUTO

Per ottenere il contributo, è necessario che le Associazioni e le Società Sportive siano in grado di soddisfare tutti i seguenti requisiti:

a) gestione, in virtù di un titolo di proprietà, di un contratto di affitto, di una concessione amministrativa o di altro negozio giuridico che ne legittimi il possesso o la detenzione in via esclusiva, di un impianto sportivo;

b) avere un numero di tesserati, alla data del 1° agosto 2022, pari ad almeno 200 unità se tesserati con EPS o 30 unità se tesserati con FSN;

c) presentazione di una dichiarazione asseverata da tecnico abilitato con la quale si attesti che le misure e gli altri requisiti dell’impianto sportivo oggetto della richiesta di contributo siano conformi a quanto dichiarato. Le FAQ pubblicate sul sito del Dipartimento dello Sport in data 4 agosto 2022 precisano che per superficie utile lorda (SUL), s’intende la metratura delle superfici comprese entro il perimetro esterno delle murature, di tutti i livelli fuori ed entro terra degli edifici. La superficie utile lorda, ai fini della commisurazione del contributo, è quella destinata a utilizzo sportivo, inclusi bagni e spogliatoi, ma esclusi luoghi di ristoro o commerciali;

d) presentazione di una dichiarazione di un dottore Commercialista che attesti il numero di tecnici sportivi dilettanti che abbiano ricevuto compensi dalla ASD/SSD e l’ammontare degli stessi. Per poter beneficiare del contributo i beneficiari devono aver erogato indennità e/o compensi per prestazioni sportive dilettantistiche ad almeno quattro tecnici, che non siano tra loro parenti ed affini sino al terzo grado, per un ammontare complessivo minimo di 10.000 euro dal primo gennaio 2022 al 30 giugno 2022. Le FAQ pubblicate sul sito del Dipartimento dello Sport in data 4 agosto 2022 precisano che il requisito minimo di € 10.000,00 dal primo gennaio 2022 al 30 giugno 2022, erogati complessivamente ad almeno quattro tecnici, è soddisfatto in ragione di indennità e/o compensi per prestazioni sportive dilettantistiche comunque erogati (partita IVA, lavoratori dipendenti, prestazioni occasionali, ecc.) a norma di legge. Precisano inoltre le FAQ che con il termine complessivo si intende l’insieme delle indennità e/o compensi percepiti nell’arco del suddetto periodo dall’insieme dei tecnici.

Circolo Tennis Rovereto

OGGETTO DEGLI INTERVENTI AI FINI DELLA EROGAZIONE DEL CONTRIBUTO

I contributi potranno essere utilizzati per intervenire su palestre a uso sportivo, per ginnastica, danza, fitness, pesistica o altre discipline riconosciute dal CONI e dal CIP, come meglio specificato al punto successivo.

Le FAQ pubblicate sul sito del Dipartimento dello Sport in data 4 agosto 2022 chiariscono come per palestra si intenda “un locale, attrezzato per praticare sport, al chiuso. Sono esclusi gli impianti natatori” “…l’erogazione del contributo è commisurata alla superficie del o dei locali al chiuso dell’impianto, che siano adibiti a uso sportivo. La superficie utile lorda minima deve essere di 200 mq”.

 

AMMONTARE DEL CONTRIBUTO

Queste le diverse categorie di contributo:

  1. Euro quindicimila per palestre ad uso sportivo per ginnastica, danza, fitness, pesistica o altre discipline, anche di squadra, riconosciute dal CONI e dal CIP con una superficie utile lorda compresa tra 200 e 800 metri quadrati;

  2. Euro ventimila per palestre ad uso sportivo per ginnastica, danza, fitness, pesistica o altre discipline riconosciute dal CONI e dal CIP con una superficie utile lorda compresa tra 801 e 1400 metri quadrati; euro venticinquemila per palestre ad uso sportivo per ginnastica, danza, fitness, pesistica o altre discipline riconosciute dal CONI e dal CIP con una superficie utile lorda compresa tra 1401 e 2000 metri quadrati;

  3. Euro trentamila per palestre ad uso sportivo per ginnastica, danza, fitness, pesistica o altre discipline riconosciute dal CONI e dal CIP con una superficie utile lorda superiore a 2000 metri quadrati. Nel caso che un’associazione/società sportiva dilettantistica sia titolare di più di una palestra, anche di discipline differenti, per il conteggio dei mq sarà possibile effettuare la sommatoria delle metrature di ogni singola palestra fino al raggiungimento del contributo massimo erogabile, pari a trentamila euro per le palestre con superficie utile lorda superiore a 2000 metri quadrati.

I campi del Circolo Tennis Palermo

TERMINI E MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLE RICHIESTE PER ACCEDERE AL CONTRIBUTO

I soggetti beneficiari dovranno presentare la richiesta di erogazione del contributo in modalità telematica alla Federazione Italiana Tennis (di seguito il modulo da rinviare, solo ed esclusivamente tramite posta elettronica certificata P.E.C. al seguente indirizzo di P.E.C. contributoimpianti@pec.federtennis.it con tutti gli allegati indicati e richiesti dal DPCM).

La Federazione Italiana Tennis verifica l’esistenza dei requisiti di ammissione delle richieste di contributo ricevute, assevera il numero di tesserati dichiarato dalla Associazione o Società sportiva e predispone un prospetto, sulla base di un modello predisposto dal Dipartimento per lo sport, elencante i dati identificativi dei potenziali beneficiari. Tale prospetto è trasmesso al medesimo Dipartimento.

Le richieste di accesso al beneficio dovranno essere presentate alla Federazione Italiana Tennis entro e non oltre il 31 agosto 2022.

La Federazione Italiana Tennis dovrà presentare i prospetti, mediante posta elettronica certificata, al Dipartimento per lo Sport, indirizzo ufficiosport@pec.governo.it, entro e non oltre il 30 settembre 2022.

Loading...

Altri articoli che potrebbero piacerti